Il RevPAR, conosciuto come Revenue per Available Room, è un indicatore di performance alberghiero che misura la profittabilità dell’hotel.

L’indice calcola l’andamento dell’albergo attraverso il rapporto fra fatturato generato dalla vendita delle camere e numero totale di camere disponibili.

Il Revenue Manager dell’hotel può sfruttare il RevPar per confrontare i propri dati anche con le performance di alberghi differenti che hanno operato nello stesso periodo di esercizio.

RevPAR: come si calcola?

Esistono due formule per calcolare il RevPAR dell’hotel:

  1. Misurando il rapporto fra: ricavi totali delle camere di un determinato periodo / Numero di camere disponibili nello stesso periodo.
  2. Partendo dal’ADR Average Daily Rate, ottenibile tramite il totale del fatturato diviso per il totale delle camere vendute, che va moltiplicato con la percentuale di tasso di occupazione delle camere.

Facciamo un esempio pratico: il mio hotel ha venduto in un giorno 80 camere su un totale di 100 con un profitto totale di 4.000 euro.

Con la prima formula il RevPAR sarà: 4.000 euro /100 camere = 40 euro

Facendo il secondo calcolo prendendo in considerazione l’ADR (4.000 euro / 80 camere vendute = 50 euro), il risultato sarà uguale poiché: 50 euro * 0.8 (tasso di occupazione) = 40 euro.

Il risultato ottenuto diventa un punto di inizio per effettuare le analisi di Revenue da confrontare con il benchmark di settore considerando lo stesso periodo e di un competitor set.

Come migliorare il RevPAR

Come abbiamo detto il RevPAR è il sistema più semplice per calcolare l’andamento dell’hotel.

Esistono dei metodi per aumentare i propri ricavi in hotel aumentando di conseguenza l’indice RevPAR come ad esempio:

  • Migliorare la qualità delle camere e dei servizi: per offrire tipologie superiori e quindi tariffe più alte, giustificate da strategie di up-selling;
  • Rivedere i prezzi dei supplementi alle camere: con l’aumento delle tariffe senza incrementare il numero di camere vendute o viceversa;
  • Analizzare il mercato: per confrontare le proprie prestazioni in una stagione rispetto ai competitor di settore
  • Attuare delle strategie di cross-selling: per influire il cliente sulla scelta di acquisto di un soggiorno con l’incisione sul ricavo delle camere.
  • Adottare delle restrizioni sulla durata dei soggiorni: attraverso questa tecnica con vari livelli di tariffe è possibile aumentare i ricavi.
    Questa strategia si rivela efficace qualora vi sia una domanda di camere abbastanza elevata.

Gli altri indici di performance: TRevPAR, ARPAR, RevPor, CostPAR e GopPAR

Nonostante il RevPAR sia uno degli indici più utilizzati per misurare la profittabilità dell’hotel, esso non considera i costi sostenuti dalla struttura ricettiva.

Esistono quindi altri indici di riferimento che sono utili per prendere delle decisioni a livello strategico e operativo come:

  • TRevPAR: acronimo di Total Revenue per Available Room, calcola anche i ricavi derivanti dai servizi F&B e dai servizi extra.
    Il TRevPar si calcola misurando i ricavi totali a camera / Numero di camere Disponibili.
    Purtroppo anche questo indice a sua volta è incompleto perché non considera i costi della struttura e il tasso di occupazione.

    Questo indice è utile per misurare l’efficacia delle strategie di cross-selling.
     
  • ARPAR: sigla che sta per Adjusted Revenue per Available Room, contrariamente al TRevPAR tiene in considerazione anche i costi della struttura e il tasso di occupazione.
    L’ARPAR si calcola (ADR - costi variabili per camera occupata + revenue aggiuntivo per ogni camera occupata) * Tasso di occupazione.

     
  • RevPor: abbreviazione di Revenue per Occupied Room, considera i profitti provenienti da una camera occupata in rapporto al numero di camere occupate.
    A differenza dall’ADR il RevPOR non conta i profitti non room provenienti da F&B e altri servizi.

     
  • CostPAR: le cui iniziali significano Cost Per Available Room indica i costi che vengono sostenuti per ogni camera disponibile. Per ottenere il CostPAR basta sommare i costi fissi unitari ai costi variabili unitari della camera disponibile.
    Questo indice deve essere sempre inferiore al RevPAR poiché altrimenti l’hotel sarebbe in perdita.
  • GOPPAR: il Gross Operating Profit per Available Room considera tutti i costi sostenuti, anche quelli degli stipendi dei dipendenti e delle commissioni OTA.
    L’indice si calcola dividendo il guadagno netto dell’hotel per il numero di camere disponibili.

Le soluzioni di Serenissima informatica per l’analisi dei dati in hotel

Serenissima Informatica propone delle soluzioni complete per gestire a 360° le attività dell’hotel.

Con protel PMS è possibile ricevere tutti i dati e le informazioni attraverso report completi per calcolare gli indici di profittabilità della propria struttura ricettiva.

Integrando al Property Management System i software di Serenissima Informatica Hotel Back Office e Hotel Selfie è possibile, inoltre, avere a disposizione tutti i dati e le informazioni per ottenere gli indicatori di performance alberghiera.

La piattaforma di Business Intelligence Hotel Selfie, inoltre, sfrutta le potenzialità analitiche della Power BI di Microsoft per ricavare indicazioni strategiche e consente di produrre report personalizzati e analisi di dati basati sulla Business intelligence.

Grazie a Hotel Selfie gli hotel manager e i revenue manager trasformano i dati ricevuti dall’hotel in informazioni preziose per prendere le migliori decisioni strategiche.