Il Superbonus Alberghi 80% è un’agevolazione pubblica prevista dal PNRR italiano, ovvero il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Si tratta di una misura importante per le strutture ricettive, attraverso la quale usufruire di un credito d’imposta per una serie di interventi di riqualificazione, ristrutturazione e innovazione.

Come indicato dalle precisazioni del ministro del Turismo Massimo Garavaglia, il Superbonus Alberghi prevede diverse novità, tra cui un’ampia platea di beneficiari e nessun click day.

Ecco come funziona il bonus alberghi, quali sono gli interventi ammessi, come richiedere il beneficio fiscale e in che modo sfruttare al meglio questa opportunità.

Cosa prevede il decreto Superbonus Alberghi 80%

Con il DL PNRR (Decreto Legge n. 152 del 6 novembre 2021) il governo ha introdotto un credito d’imposta dell’80%, valido per le spese realizzate per gli interventi ammissibili dal 7 novembre 2021 fino al 31 dicembre 2024.

Dopo i chiarimenti del Ministero del Turismo, i beneficiari del Superbonus Alberghi sono tutte le principali strutture del settore turistico e dei comparti attinenti, tra cui:

  • alberghi;
  • agriturismi;
  • campeggi;
  • bed & breakfast;
  • ristoranti;
  • stabilimenti termali;
  • imprese del comparto congressuale;
  • strutture ricettive all’aria aperta;

Sono ammessi al bonus fiscale anche gli interventi iniziati a partire dal primo febbraio 2020, solo se alla data del 7 novembre 2021 i lavori non siano ancora stati conclusi, e se le spese non siano state sostenute prima di tale data.

Il contributo d’imposta dell’80% è ottenibile per varie tipologie di interventi, tra cui:

  • investimenti nella digitalizzazione;
  • lavori di aumento dell’efficienza energetica;
  • interventi di riqualificazione antisismica;
  • rimozione delle barriere architettoniche;
  • lavori di manutenzione straordinaria;
  • interventi di restauro e risanamento conservativo;
  • realizzazione di piscine termali;
  • ristrutturazioni edilizie;
  • installazione di manufatti leggeri compresi i fabbricati;
  • spese per la promozione dei servizi turistici;
  • attività di promozione di offerte riservate alle persone con disabilità.

Per quanto riguarda le spese per il digitale, il bonus si può ottenere per l’installazione di nuove connessioni Wi-Fi ad alta velocità, la realizzazione di siti web mobile responsive, oppure per l’integrazione di software per la gestione dei pernottamenti e le attività di vendita di servizi ricettivi.

Sono agevolabili anche le spese realizzate per il marketing turistico digitale, inclusi i servizi di consulenza annessi a tali attività.

Come funziona il contributo a fondo perduto per gli alberghi

Una delle novità principali del Superbonus 80% Alberghi è la possibilità di usufruire di un contributo a fondo perduto, un beneficio aggiuntivo e cumulabile rispetto al credito d’imposta.

Il contributo può avere un valore massimo di 40 mila euro, tuttavia, in alcuni casi è possibile aumentare questo importo.

In particolare, la maggiorazione del contributo a fondo perduto è applicata nelle seguenti circostanze:

  • fino a 30 mila euro se almeno il 15% delle spese sono relative a interventi di digitalizzazione ed efficienza energetica;
  • fino a 20 mila euro se l’azienda è riconosciuta come progetto di imprenditoria femminile, società cooperativa o impresa con guida maggioritaria di giovani under 35;
  • fino a 10 mila euro per le imprese situate nelle Regioni del Sud Italia (Campania, Calabria, Abruzzo, Sardegna, Basilicata, Molise, Sicilia, Puglia).

Come richiedere il Superbonus 80% Alberghi

Il Superbonus Alberghi prevede uno stanziamento complessivo di 500 milioni di euro: 100 milioni per il 2022, 180 milioni per il 2023 e altrettanti per il 2024, infine nel 2025 la disponibilità sarà di 40 milioni.

Il ministro Garavaglia ha specificato inoltre che non ci sarà il click day, infatti, le domande saranno analizzate in base all’ordine cronologico di presentazione e al tipo di progetto.

Se desideri ottenere assistenza per accedere a fondi perduti e incentivi come il Superbonus Alberghi, Serenissima Informatica propone un servizio di consulenza professionale specializzata.

Come in occasione del TTG di Rimini (un evento tenutosi a ottobre 2021), potrai ottenere anche nel corso del 2022 un check-up gratuito per l’accesso a bandi e finanziamenti agevolati per le strutture ricettive.

Inoltre, c’è un’altra opportunità per gli alberghi che vogliono usufruire di incentivi per investire in progetti di innovazione, digitalizzazione e formazione dei propri dipendenti.

Serenissima Informatica, grazie alla certificazione ISO 9001 per l’erogazione di servizi di formazione permette di risparmiare un ulteriore 50% dell’investimento in formazione sulle
soluzioni software acquistate, un’offerta che è cumulabile e compatibile con gli incentivi precedentemente segnalati.